// home

In evidenza

Il “caso” Maroncelli. Organizzazione del consenso e vincoli massonici nell’Italia radicale e nella New York della Tammany Hall, 1840-1890

Se la storiografia contemporanea non è sprovvista di contributi capaci di formare, ormai anche in Italia, una interessante letteratura d’emigrazione, mancano più probabilmente lavori che diano maggiore organicità a questo genere di narrazioni e soprattutto mancano analisi congiunte, di storia cioè politica, sociale e culturale, relative alla condizione degli italiani nella repubblica nordamericana durante l’ultima […]

In evidenza

APOLOGETICAL DISCOURSE ON ITALY (1821): Lorenzo Da Ponte alle soglie del Risorgimento

L’interesse verso la meteora Lorenzo Da Ponte non sembra scemare, a partire dalle celebrazioni per il centocinquantenario della morte (1988) con l’affollato congresso alla Columbia University di New York e gli atti pubblicati[1], nonché successivi congresso e libro voluti dal Comune di Vittorio Veneto[2]. Che la vita del cenedese (Ceneda, oggi Vittorio Veneto, 1749-New York, […]

In evidenza

Gli Stati Uniti come meta

1.       Introduzione La percezione dell’America del Nord quale terra della libertà fu così radicata anche nell’Italia preunitaria da precorrere perfino la nascita degli stessi Stati Uniti come nazione sovrana. Le prime manifestazioni di interesse nella penisola per le vicende dell’altra sponda dell’Atlantico, sorte in occasione della fine della guerra dei Sette Anni nel 1763, […]

In evidenza

Un Risorgimento lungo un secolo. Esilio ed emigrazione degli italiani in Belgio e Lussemburgo, tra storia e memoria, percezioni e miti

Nella riflessione sui rapporti tra esilio ed emigrazione in epoca risorgimentale è necessario, per quanto riguarda Belgio e Lussemburgo, tenere conto in via preliminare del fatto che tali aree geografiche non coincidono all’epoca con i confini nazionali cui oggi si fa riferimento, quantomeno non nella fase iniziale dell’esodo politico italiano[1]. Il Belgio raggiungerà infatti l’indipendenza […]

In evidenza

Manin esule e i liberali francesi: una strategia politica

Alla base del monumento a Daniele Manin di Torino, celata nel cemento, una cassa di piombo racchiude una pergamena recante la biografia di Daniele Manin voluta dai comitati francese e italiano e sulla quale si può leggere, a proposito dell’esilio: […] Viaggiando gli morì di colera a Marsiglia la moglie Teresa Perissinotti. […] […]

In evidenza

Exilés et immigrés italiens à Paris, des Trois Glorieuses au coup d’état bonapartiste

Depuis la révolution parisienne de juillet 1830 jusqu’au coup d’État de Louis-Napoléon Bonaparte en 1851, la France a accueilli nombre d’Italiens sur son sol: proscrits, exilés volontaires, ou encore émigrés venus trouver du travail dans le pays. Si l’exil politique et l’émigration économique italienne ont traditionnellement été distingués par l’historiographie qui s’est penchée sur la […]

Aggiornamenti

Annuncio pubblicitario

Consigliato

A.S.E.I. Archivio Storico dell’Emigrazione Italiana

Iscrizione nel Registro della Stampa del Tribunale di Viterbo col n. 13/07 dal 4 settembre 2007

ISSN 1973-347X

Archivi