Intervista a María Josefina Cerutti

María Josefina Cerutti, argentina ma pronipote di emigranti provenienti dal Piemonte, è nata a Mendoza. Si è laureata in Sociologia con una tesi sul ruolo degli immigrati italiani nel mondo del vino e da allora si è dedicata a studiare l’emigrazione italiana nel suo paese. Rientrata in Argentina, dopo aver vissuto sette anni in Italia … [Read more…]

Intervista a Toni Ricciardi

Toni Ricciardi, che ha collaborato alla nostra rivista con un intervento sull’emigrazione dalla provincia di Avellino, ha conseguito un dottorato di ricerca in Storia dell’Europa moderna e contemporanea presso l’Università di Napoli L’Orientale e si è specializzato nella storia degli italiani in Svizzera durante il secondo dopoguerra, con particolare attenzione al mondo dell’associazionismo migratorio. Nel … [Read more…]

Intervista a Gilles Pécout

Gilles Pécout (Marsiglia 1961) dirige il Dipartimento di Storia dell’École Normale Supérieure ed è uno dei maggiori ottocentisti europei (http://fr.wikipedia.org/wiki/Gilles_P%C3%A9cout). È molto conosciuto anche in Italia per i suoi lavori sul Risorgimento, tanto più che questi sono stati ricordati da Giorgio Napolitano in occasione di alcuni discorsi ufficiali per le Celebrazioni del Centocinquantenario (http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Foto&Key=13585).

Censire i “nuovi emigrati” attraverso il web

inter.jpg

Interviste

 

Anna Caprarelli

 

Censire i “nuovi emigrati” attraverso il web

 

inter.jpg

 

Sono ormai alcuni mesi che il quotidiano “La Repubblica” ha deciso di lanciare una grande raccolta di dati e di storie personali riguardanti i nuovi, giovani emigrati italiani (http://racconta.repubblica.it/italiani-estero/). Partendo dal presupposto che sempre meno giovani espatriati s’iscrivono all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) il quotidiano ha voluto di fatto tentare un censimento parallelo, non ufficiale, della presenza dei giovani residenti all’estero, anche da meno di 10 anni. Per questa nuova categoria di emigrati non esistono infatti cifre chiare né stime attendibili. Il fenomeno dei “cervelli in fuga” è pressoché incontrollabile e incontrollato.