Da Ivo Livi a Yves Montand: un italiano di Marsiglia

La morte del cantante e attore Yves Montand, il 9 novembre 1991, ha suscitato grande emozione in Francia come in Italia. Sui media francesi si sono susseguiti gli omaggi a colui che il presidente Mitterand considerava come “un grande artista (…) entrato nella storia dello spettacolo della nostra epoca”[1]. Alcune sue interpretazioni, come Les feuilles … [Read more…]

“Siamo i soldati dell’emigrazione”. Canzoni d’autore e processi migratori

È stato osservato che nell’Italia dell’immediato dopoguerra, mentre il cinema e la letteratura aprivano la trionfale stagione del neorealismo, della denuncia sociale e della cruda osservazione delle condizioni di vita delle masse popolari, la canzone era rimasta ferma a un modello tradizionale, romantico e sognante[1]. Se dal punto di vista musicale cominciavano ad essere recepite … [Read more…]

Un bastimento carico di note: musica, musicisti e cantanti italiani in Argentina

In Los italianos en la historia de la cultura argentina, di Dionisio Petriella, alla voce “Musica” si contano 228 schede biografiche di im-migranti italiani la cui presenza è stata rilevante nel panorama musicale argentino. Le schede, divise in “Insegnamento” (16), Composizione (34), Piano, organo e clavicembalo (49), Strumenti a corda (57), Strumenti a fiato (6), … [Read more…]

Canzone ed emigrazione. La canzone italiana e gli emigranti oggi

Negli ultimi anni si è notata nella produzione musicale italiana, sia quella più squisitamente “popular” e “mainstream” che in quella più di nicchia o “underground”, una certa attenzione alle contaminazioni “altre” e una non eludibile tendenza al melting pot. Tendenza figlia di questa età di passaggio in cui il paese sta tentando, tra revanscisti richiami … [Read more…]

Tesi 2014

Le projet de cette thèse pouvait initialement inquiéter – et il semble que cela a été le cas. Il faut dire qu’il ne s’agissait de rien de moins que de tracer un parallèle entre le fuoruscitisme de l’entre-deux-guerres et l’émigration des brigadistes des années de plomb, programme au mieux hasardeux, au pire blasphématoire. La double … [Read more…]

La nazionalizzazione di una società mobile. Mobilità e politica in una città industriale tra Ottocento e Novecento

Questo articolo affronta il problema del rapporto tra la mobilità geografica, le identità sociali e la costruzione del discorso politico nella città industriale tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Una certa storiografia politica sembra considerare i ceti popolari, generalmente identificati come meri destinatari dei messaggi elaborati dai gruppi dirigenti, attori passivi … [Read more…]

Le missioni cattoliche italiane all’estero: il caso della Consolata nella Somalia di Cesare Maria De Vecchi (1924-1928)

inter.jpg

Daniele Natili

 

Le missioni cattoliche italiane all’estero: il caso della Consolata nella Somalia di Cesare Maria De Vecchi (1924-1928)

 

inter.jpg

 

1. – Il nuovo corso politico della Somalia

L’istruzione in Somalia era rimasta fino all’anno 1924 in una forma poco più che embrionale e non rispondeva neppure alle limitate esigenze della popolazione indigena e tanto meno di quella europea nonché bene inteso alla educazione di alcuno. Nei primi mesi del 1925[…]erano giunti in Somalia a sostituire la missione dei Trinitari i Padri della Consolata[…]. Si trattava di un ordine religioso di larga e ormai matura esperienza coloniale e in modo specifico dell’Africa Orientale: da esso si poteva attendere con assoluta fede ogni buona e intensa opera anche nel campo della educazione e della istruzione […]. Anche in questo, dunque, il Regime aveva, come si è visto, in poi, fatto compiere alla Colonia anche in questo campo i dovuti progressi1.